CO2 per acquari

Spettacolari piante subacquee rosse

La CO2 per acquari è un argomento con molta briciola e consigliato solo agli acquariofili più esigenti, poiché l'aggiunta di CO2 al nostro acquario può influire non solo sulle nostre piante (nel bene e nel male) ma anche sui pesci.

In questo articolo parleremo approfonditamente di cos'è la CO2 per gli acquari, come sono i kit, come calcolare la quantità di CO2 di cui abbiamo bisogno... E inoltre, se vuoi approfondire l'argomento, ti consigliamo anche questo articolo su CO2 fatta in casa per acquari.

A cosa serve la CO2 negli acquari?

piante subacquee

La CO2 è uno degli elementi più basilari degli acquari con piante, poiché senza di essa le tue piante morirebbero o, per lo meno, si ammalerebbero. È un elemento essenziale utilizzato nella fotosintesi, durante la quale la CO2 viene combinata con l'acqua e la luce solare per la crescita della pianta. Per rimbalzo, scarica ossigeno, altro elemento fondamentale per garantire la sopravvivenza e la buona salute del tuo acquario.

In un ambiente artificiale come un acquario, dobbiamo fornire alle nostre piante i nutrienti di cui hanno bisogno o non si svilupperanno correttamente. Per questo motivo la CO2, che in natura le piante normalmente ricavano dal fango del terreno e da altre piante in decomposizione, non è un elemento che abbonda negli acquari.

Come facciamo a sapere se il nostro acquario avrà bisogno di CO2? Come vedremo di seguito, dipende molto dalla quantità di luce che riceve l'acquario: più luce c'è, più CO2 servirà alle tue piante.

Come sono i kit per acquari CO2?

La CO2 è vitale per la salute delle tue piante

Esistono diversi modi per introdurre CO2 nell'acqua dell'acquario. Sebbene ci siano un paio di semplici modi, di cui parleremo più avanti, la cosa più efficiente è avere un kit che aggiunga regolarmente carbonio all'acqua.

Contenuto del kit

Indubbiamente, l'opzione più consigliata dagli acquariofili sono i kit CO2, che producono regolarmente questo gas, in modo che sia possibile calibrare con maggiore precisione quanta CO2 entra nell'acquario, cosa che le vostre piante e i vostri pesci apprezzeranno. Queste squadre sono composte da:

  • bombola CO2. È proprio quella, una bombola in cui si trova il gas. Più è grande, più a lungo durerà (logico). Quando è finito, deve essere ricaricato, ad esempio, con una bombola di CO2. Alcuni negozi ti offrono anche questo servizio.
  • Regolatore. Il regolatore serve, come suggerisce il nome, a regolare la pressione della bombola dove si trova la CO2, cioè ad abbassarla per renderla più maneggevole.
  • Diffusore. Il diffusore "rompe" le bolle di CO2 appena prima che entrino nell'acquario fino a formare una nebbia molto fine, quindi si distribuiscono meglio in tutto l'acquario. Si consiglia vivamente di mettere questo pezzo all'uscita dell'acqua pulita dal filtro, che diffonderà la CO2 in tutto l'acquario.
  • Tubo resistente alla CO2. Questo tubo collega l'erogatore al diffusore, anche se non sembra importante, in realtà lo è, e non puoi usarlo neanche, perché devi assicurarti che sia resistente alla CO2.
  • Solenoide. Oltre ad avere un nome molto cool che condivide il titolo con un romanzo di Mircea Cartarescu, i solenoidi sono dispositivi molto utili, poiché hanno il compito di chiudere la valvola che lascia il posto alla CO2 quando non ci sono più ore di luce (a le piante notturne non necessitano di CO2 in quanto non fotosintetizzano). Hanno bisogno di un timer per funzionare. A volte i solenoidi (o i timer per loro) non sono inclusi nei kit per acquari a CO2, quindi è altamente raccomandato assicurarsi che lo includano se sei interessato a possederne uno.
  • Contabolle. Sebbene non sia indispensabile, permette di controllare la quantità di CO2 che entra in acquario in modo molto più efficace, visto che fa proprio questo, contando le bolle.
  • Controllo del gocciolamento. Questo tipo di bottiglia, anch'essa non inclusa in alcuni kit, controlla e indica la quantità di CO2 che contiene il tuo acquario. La maggior parte ha un liquido che cambia colore a seconda che la concentrazione sia bassa, corretta o alta.

Quanto dura una bottiglia di CO2 per acquari?

Meglio non mangiare pesce quando si testano i livelli di CO2

La verità è questa è un po' difficile dire con certezza quanto dura una bottiglia di CO2, dato che dipenderà dalla quantità che metti in acquario, oltre che dalla frequenza, dalla capacità... si considera comunque che una bottiglia di circa due litri possa durare dai due ai cinque mesi.

Come misurare la quantità di CO2 nell'acquario

Un bellissimo fondale piantumato

La verità è questa non è per niente facile calcolare la percentuale di CO2 di cui ha bisogno il nostro acquarioin quanto dipende da molteplici fattori. Per fortuna, scienza e tecnologia sono lì per tirare fuori le castagne dal fuoco ancora una volta. Tuttavia, per darvi un'idea, parleremo dei due metodi.

Metodo manuale

Prima di tutto, ti insegneremo il metodo manuale per calcolare quanta CO2 ha bisogno il tuo acquario. Ricorda che, come abbiamo detto, la proporzione necessaria dipenderà da diversi fattori, ad esempio, la capacità dell'acquario, il numero di piante che hai piantato, l'acqua che viene elaborata ...

Prima dovrai calcolare il pH e la durezza dell'acqua per conoscere la percentuale di CO2 che è nell'acqua del tuo acquario. In questo modo saprai quale percentuale di CO2 ha bisogno il tuo particolare acquario. Puoi trovare i test per calcolare questi valori nei negozi specializzati. Si raccomanda che la percentuale di CO2 sia compresa tra 20-25 ml per litro.

Quindi dovrai aggiungere la CO2 di cui ha bisogno l'acqua dell'acquario (Se il caso si verifica, ovviamente). Per fare ciò, calcola che ci sono una decina di bolle di CO2 al minuto per ogni 100 litri d'acqua.

Metodo automatico

Senza dubbio, questo è il metodo più comodo per calcolare se la quantità di CO2 presente nel nostro acquario è corretta o meno. Per questo avremo bisogno di un tester, una specie di bottiglia di vetro (che si attacca con una ventosa e ha la forma di una campana o di una bolla) con all'interno un liquido che utilizza colori diversi per segnalare la quantità di CO2 presente nell'acqua. Normalmente i colori per indicarlo sono sempre gli stessi: blu per un livello basso, giallo per un livello alto e verde per un livello ideale.

Alcuni di questi test ti chiederanno di mescolare l'acqua dell'acquario nella soluzione, mentre in altri non sarà necessario. In ogni caso, segui sempre le istruzioni del produttore per evitare spaventi.

Consigli

Più acqua di superficie si muove, più CO2 ti servirà

La questione della CO2 negli acquari è piuttosto complicata, dal momento che richiede pazienza, un buon kit e anche tanta fortuna. Ecco perché abbiamo preparato un elenco di suggerimenti che puoi prendere in considerazione quando entri in questo mondo:

  • Non immettere mai molta CO2 in una volta. È molto meglio iniziare lentamente e aumentare gradualmente i livelli di carbonio, fino a raggiungere la percentuale desiderata.
  • Notare che, più l'acqua si muove (a causa del filtro, per esempio) più CO2 ti servirà, poiché si allontanerà prima dell'acqua dell'acquario.
  • Certamente dovrai fare diversi test con l'acqua del tuo acquario fino a trovare il rapporto di CO2 ideale per questo. Pertanto, si consiglia vivamente di eseguire questi test senza che ci siano ancora pesci, in modo da evitare di metterli in pericolo.
  • Infine, se vuoi risparmiare un po' di CO2, spegni il sistema un'ora prima che si spengano le luci o che faccia buio, ne rimarrà abbastanza per le tue piante e non le sprecherai.

Esiste un sostituto della CO2 negli acquari?

Le piante crescono felici con un buon livello di CO2

Come abbiamo detto prima, l'opzione dei kit per produrre CO2 in casa è la più consigliabile per le piante del tuo acquario, tuttavia, essendo un'opzione un po' costosa e difficile, non è sempre la più adatta a tutti. Come sostituti, possiamo trovare liquidi e pillole:

liquidi

Il modo più semplice per aggiungere CO2 al tuo acquario è farlo in modo liquido. Le bottiglie con questo prodotto sono costituite semplicemente da quello, una quantità di carbonio (che normalmente viene misurata con il tappo della bottiglia) sotto forma di liquido che dovrai aggiungere di volta in volta all'acqua del tuo acquario. Tuttavia, non è un modo molto sicuro, poiché la concentrazione di CO2, sebbene si dissolva nell'acqua, a volte non si distribuisce uniformemente. Inoltre, c'è chi sostiene che sia stato dannoso per i loro pesci.

compresse

Le pastiglie possono richiedere anche un'attrezzatura a parte, in quanto, se messe direttamente in acquario, si sfaldano un attimo invece di farlo a poco a poco, così che sono completamente inutili per le piante e lasciano depositi che possono rimanere per un po' di giorni in sottofondo. Tuttavia, ci sono opzioni più semplici in cui il prodotto è semplicemente fatto in acquatuttavia, potrebbero non rompersi bene.

La CO2 dell'acquario è un argomento complicato che richiede kit e persino matematica per trovare il rapporto ideale e che le nostre piante crescano piene di salute. Dicci, hai un acquario piantato? Cosa fai in questi casi? Sei più un fan dei generatori di CO2 fatti in casa o preferisci liquidi o pillole?

Fuentes: AcquariGiardini, Dennerle


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.