pesce scorpione

Scorfano rosso

I pesci costituiscono un gruppo di esseri tra i più vari che possiamo osservare in natura. Si trovano in tutto il pianeta, soggiornando in mari, fiumi, laghi e vari ecosistemi acquatici. Caratteristiche variegate e anni di evoluzione che hanno portato a una vasta gamma di specie, ognuna più peculiare. In questa occasione vi parleremo di un tipo di pesce strano, anche se ben noto: il pesce scorpione.

In questo articolo hai l'opportunità di saperne un po' di più su questo meraviglioso animale, che, tra le altre cose, si distingue per la sua pericolosità, che non gli ha dato un'ottima reputazione.

habitat

Pinne di scorfano

Lo scorfano, infatti, è un pesce che si è adattato particolarmente bene a diversi tipi di habitat acquatici. È facile trovarli in varie parti del mondo, dal momento che non si tratta di un pesce specifico di un'area o di un'area specifica. Sì, devi commentare che le popolazioni più numerose si trovano sulle coste dell'Australia, delle Figi, dell'Oceano Indiano e del Mar Rosso e del Mar Giallo.

In generale tende ad avere una certa predilezione per le acque profonde (oltre i 150 metri), come i fondali o le profondità oceaniche. Tuttavia, non è raro trovarlo in altri tipi di luoghi come nei piccoli stagni che si formano dalle basse maree.

Caratteristiche del pesce scorfano

Testa di scorfano

Il nome scientifico del pesce scorfano è Scorpioniin quanto appartiene alla famiglia dei pesci Scorpaeniformi, che grosso modo si potrebbe dire che siano quei pesci ossei dotati di estensioni spinose sui loro corpi.

Va notato che lo scorfano detiene il titolo di essere una delle specie ittiche più antiche. Uno dei primi fossili ritrovati risale al tempo di Paleocene, compreso nel Terziario Inferiore.

Non è una grande creatura. Il loro corpo, sia negli individui maschi che femmine, di solito non supera la 30 centimetri di lunghezza (normale è lungo 15 centimetri). Questo corpo ha una forma allungata e compressa, ed è dotato di numerose spine velenose. Queste spine velenose sono più numerose sulla testa, sulle pinne dorsali, sulla pinna quadratica e sulle pinne pelviche.

La testa è molto più grande rispetto al resto del corpo, e ha una grande bocca che è disposta obliquamente, mentre gli occhi sono mantenuti verticali. Inoltre, ha grandi tentacoli sulla pelle.

Lo scorfano è uno degli animali che ha acquisito le migliori condizioni per mimetizzarsi. A seconda dell'habitat che occupa, questo tipo di pesce manifesta una tonalità o l'altra nella pelle e nelle squame. Come regola generale, i colori predominanti sono giallo, marrone, verde e rosso.

Per quanto riguarda il loro comportamento, indica che sono pesci dal carattere molto forte. I maschi sono territoriali e feroci. Questa condizione ha portato loro ad avere uno stile di vita piuttosto sedentario. Se vuoi introdurre lo scorfano nel tuo acquario o laghetto, tieni presente che non deve essere accompagnato da pesci più piccoli del loro, con più scorfani o semplicemente con pesci invertebrati. Se sembra andare d'accordo con quei pesci vertebrati che lo superano notevolmente in dimensioni.

Alimentazione

Scorfano bianco

I pesci scorpione sono a grandi predatori. Il suo metodo di cattura di successo è in gran parte dovuto a qualcosa di cui abbiamo discusso in precedenza, la sua capacità di mimetizzarsi. Lo scorfano si nasconde finché non appare la sua preda, che sorprende in decimi di secondo inghiottendo.

Di solito cattura pesci molto piccoli, piccoli molluschi, crostacei, ecc.

Pericolosità

Corpo di pesce scorpione

Come accennato all'inizio dell'articolo, i pesci scorfano non hanno una reputazione molto positiva. Sono pesci velenosi, protagonisti di alcuni dei morsi più comuni che avvengono sulle spiagge e nelle zone costiere.

El veleno (tossico e vasocostrittore) di questo animale porta conseguenze come forte infiammazione della parte del corpo colpita da un morso, vomito continuo, grande dolore e processi febbrili. Nei casi più gravi il soggetto può soffrire di insufficienza respiratoria e problemi cardiorespiratori molto più gravi.

Comunemente, i morsi di scorfano avvengono sulla pianta dei piedi, poiché questi animali rimangono immobili sul fondo del mare per lunghi periodi di tempo, è molto facile calpestarlo e affondare così una delle sue spine.

Se purtroppo siamo stati morsi da uno scorfano, i passaggi da seguire affinché il danno sia il peggiore possibile sono: applicare l'ammoniaca nella zona del morso, completata con un'applicazione di calore che dovrebbe durare circa un'ora e mezza. Tuttavia, come sempre, è meglio rivolgersi al centro sanitario o al medico più vicino che valuterà al meglio il nostro stato e può fornire il rimedio più appropriato.

Speriamo di avervi avvicinato e presentato in modo più approfondito questo pesce di cui avrete sicuramente sentito parlare e con il quale molti hanno dovuto fare i conti con incontri più che fortuiti durante i loro bagni sulle spiagge.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Catalina suddetto

    Mi piace molto il web e tutte le informazioni, ma penso che sia il pesce leone, non lo scorpione.
    saluti

  2.   Edgar suddetto

    Mi scusi, come si chiama il veleno dello scorfano?

  3.   Carla suddetto

    L'informazione è errata, appartiene all'Ordine Scorpaeniformes e alla Famiglia Scorpaenidae, vi invito a rivedere le vostre informazioni, per la tassonomia delle specie marine esiste il "Registro mondiale delle specie marine" (WoRMs)