Prova dell'acquario

Testare l'acqua è essenziale per la salute dei tuoi pesci

I test in acquario non sono solo raccomandati, ma possono essere considerati obbligatori per mantenere la qualità dell'acqua e garantire la salute dei nostri pesci. Semplici e velocissimi da usare, sono uno strumento che aiuta sia i principianti che i professionisti in acquariofilia.

In questo articolo vedremo alcune delle domande più utili sui test in acquario., ad esempio, a cosa servono, come vengono utilizzati, quali parametri misurano... E, per inciso, ti consigliamo di dare un'occhiata anche a quest'altro articolo su CO2 per acquari, uno degli elementi presenti nell'acqua che deve essere controllato.

A cosa serve un test in acquario?

Pesci che nuotano in un acquario

Sicuramente ti sei già reso conto, se hai un acquario, che la qualità dell'acqua è fondamentale per mantenere la salute dei nostri pesci. Questi animali sono molto sensibili, quindi qualsiasi cambiamento nel loro ambiente (e, ovviamente, il loro ambiente più vicino è l'acqua) può portare a problemi di salute e in alcuni casi anche peggiori.

I test dell'acquario vengono utilizzati proprio per questo, in modo da sapere in qualsiasi momento se la qualità dell'acqua è buona. Per scoprirlo, devi tenere sotto controllo i livelli di nitriti e ammoniaca, tra gli altri. Come vedremo, i test dell'acquario non vengono eseguiti solo la prima volta che ci mettiamo dell'acqua, ma sono anche una parte regolare della sua manutenzione.

Come fare un test dell'acquario

I pesci sono sensibili a qualsiasi cambiamento nell'acqua

Sebbene in alcuni negozi di animali offrono la possibilità di testare l'acqua del tuo acquario, qui ci concentreremo sui kit che ti permettono di fare il tuo test a casa che, per ovvi motivi, sono quelli che possono crearti più dubbi, soprattutto se sei un neofita dell'acquariofilia.

Il funzionamento dei test è abbastanza semplice, poiché la maggior parte consiste nel prelievo di un campione dell'acqua. Questo campione è colorato (o a gocce o per immersione di una striscia, o semplicemente dandoti i numeri) e dovrai confrontarli con una tabella, inclusa nel prodotto stesso, che ti permetterà di verificare se i valori sono corretti.

Tipi di test dell'acquario

I test dell'acquario seguono un codice colore

Quindi c'è tre ottimi modi per fare un test dell'acquario, a seconda del tipo di kit: con strisce, con gocce o con dispositivo digitale. Tutti possono essere ugualmente affidabili e l'utilizzo dell'uno o dell'altro dipenderà dai tuoi gusti, dal sito che hai o dal tuo budget.

Strisce

I test che consistono in un kit di strisce sono molto facili da usare. Normalmente in ogni bottiglia ci sono più strisce e il suo funzionamento è estremamente semplice, poiché consiste semplicemente nell'affondare la striscia nell'acqua, scuoterla e confrontare il risultato con i valori che sono specificati sulla bottiglia. Inoltre, molti dei marchi che vendono questo tipo di test includono un'app con la quale puoi memorizzare i risultati e confrontarli per vedere l'evoluzione dell'acqua nel tuo acquario.

gocce

I test liquidi sono l'altro ottimo modo per analizzare la qualità dell'acqua nel tuo acquario. Immediatamente hanno un impatto maggiore delle strisce, poiché sono costituite da molti tubi vuoti e lattine piene di sostanze. con cui proverai l'acqua (cosa da tenere a mente se non vuoi che i test occupino molto spazio). Tuttavia, l'operazione è semplice: è sufficiente inserire un campione di acqua dell'acquario nei tubi e aggiungere il liquido per verificare lo stato dell'acqua.

Se scegli questo test, oltre all'affidabilità, assicurati che includa adesivi per identificare ogni tubo E così non ti confondi accidentalmente quando fai il test.

Digitale

Infine, i test di tipo digitale sono, senza dubbio, i più precisi sul mercato, anche se di solito sono anche i più costosi (anche se, ovviamente, durano molto di più). Anche il suo funzionamento è molto semplice, dal momento che devi semplicemente mettere la matita nell'acqua. Hanno però un problema: ci sono molti modelli che consistono semplicemente in un test del PH o al massimo in altri parametri più semplici, che pur essendo molto precisi tralasciano altri elementi che potremmo essere interessati a misurare.

Quali parametri vengono controllati con un test in acquario?

Un pesce rosso che nuota dietro un vetro

La maggior parte dei test in acquario Includono una serie di parametri da misurare e che sono ciò che determina se l'acqua che hai nel tuo acquario è di qualità. Pertanto, quando acquisti questo tipo di test, assicurati che misurino le seguenti sostanze:

Cloro (CL2)

Il cloro è una sostanza che può essere incredibilmente tossica per i pesci e persino causare la morte se non rientra nei parametri minimi. Inoltre, la tua membrana ad osmosi inversa può essere sopraffatta e la cosa peggiore è che può essere trovata in luoghi vicini come l'acqua del rubinetto. Mantieni i livelli di cloro nel tuo acquario da 0,001 a 0,003 ppm in modo che la qualità dell'acqua non ne risenta.

Acidità (PH)

Gli acquari con piante seguono parametri diversi

Abbiamo detto in precedenza che i pesci non supportano i cambiamenti nell'acqua e il PH ne è un buon esempio. Questo parametro misura l'acidità dell'acqua che, se subisce piccole variazioni, può causare un grande stress ai tuoi pesci. e anche causa loro la morte, poveretti. È importante avere livelli di PH chiari anche quando arrivi dal negozio di animali: dovrai abituare i tuoi pesci misurando il PH del negozio e acclimatandoli gradualmente a quelli del tuo acquario.

Inoltre, l'acidità dell'acqua non è un parametro fisso, ma cambia nel tempoMan mano che i pesci si nutrono, fanno la cacca, le piante si ossigenano... quindi, devi misurare il PH dell'acqua nel tuo acquario almeno una volta al mese.

El Il livello di PH consigliato in un acquario è compreso tra 6,5 e 8.

Durezza (GH)

La durezza dell'acqua, detta anche GH (dall'inglese general hardness) è un altro dei parametri che un buon test in acquario dovrebbe aiutarti a calibrare. La durezza si riferisce alla quantità di minerali nell'acqua (soprattutto calcio e magnesio). La cosa complicata di questo parametro è che a seconda del tipo di acquario e del pesce che hai, ti verrà consigliata una misura o l'altra. I minerali presenti nell'acqua aiutano la crescita di piante e animali, quindi i suoi parametri non possono essere né troppo bassi né troppo alti. I consigliati, in un acquario d'acqua dolce, sono livelli da 70 a 140 ppm.

I pesci vengono rapidamente sopraffatti

Composto di nitrito tossico (NO2)

Il nitrito è un altro elemento con cui dobbiamo stare attenti, poiché i suoi livelli possono salire alle stelle per vari motiviAd esempio, per un filtro biologico che non funziona correttamente, per avere troppi pesci in acquario o per nutrirli troppo. Anche il nitrito è difficile da ridurre, poiché si ottiene solo attraverso i cambi d'acqua. È molto comune trovare alti livelli di nitriti nei nuovi acquari, ma dopo aver pedalato dovrebbero diminuire. In effetti, i livelli di nitriti dovrebbero essere sempre a 0 ppm, anche solo 0,75 ppm possono stressare i pesci.

Causa delle alghe (NO3)

anche NO3 è noto come nitrato, nome molto simile al nitrito, ed infatti sono due elementi con un rapporto molto stretto tra loro, poiché il nitrato è il risultato del nitrito. Per fortuna è molto meno tossico del nitrito, anche se bisogna anche controllarne il livello nell'acqua in modo che non perda qualità, poiché, come il PH, compare anche l'NO3, ad esempio, a causa della decomposizione delle alghe. I livelli ideali di nitrati in un acquario d'acqua dolce sono inferiori a 20 mg/L.

Stabilità del pH (KH)

Un pesce in un acquario marino

KH misura la quantità di carbonati e bicarbonati nell'acquaIn altre parole, aiuta a neutralizzare gli acidi poiché il PH non cambia troppo rapidamente. Contrariamente ad altri parametri, maggiore è il KH dell'acqua, meglio è, poiché significa che ci sono meno possibilità che il PH cambi bruscamente. Pertanto, negli acquari d'acqua dolce il rapporto KH consigliato è di 70-140 ppm.

Anidride carbonica (CO2)

Un altro elemento vitale per la sopravvivenza di un acquario (soprattutto nel caso di quelli piantumati) è la CO2, vitale per le piante per svolgere la fotosintesi, anche se tossico per i pesci a livelli troppo elevati. Sebbene la concentrazione raccomandata di CO2 dipenda da molti fattori (ad esempio, se hai piante o meno, il numero di pesci...) la media consigliata è di 15-30 mg per litro.

Quanto spesso devi testare l'acquario?

Un sacco di pesci che nuotano in un acquario

Come hai visto in tutto l'articolo, è molto importante effettuare ogni tanto un test per l'acqua dell'acquario, anche se tutto dipende dall'esperienza che hai in materia. Per gli iniziati, ad esempio, si consiglia di testare l'acqua ogni due o tre giorni, proprio come dopo aver pedalato un nuovo acquario, mentre per gli esperti il ​​test può essere esteso a una volta alla settimana, ogni quindici giorni o anche al mese.

Le migliori marche di test per acquari

Sebbene ci sono molti test per acquari sul mercatoÈ importante sceglierne uno che sia buono e affidabile, altrimenti non ci farà bene. In questo senso si distinguono due marchi:

Tetra

Tetra è uno dei marchi da sempre presenti nel mondo dell'acquariofilia. Fondata nel 1950 in Germania, si distingue non solo per le sue ottime strisce per testare l'acqua di acquari e laghetti, ma anche per un'ampia varietà di prodotti tra cui pompe, decorazioni, cibo...

JBL

Altro marchio tedesco di grande prestigio e affidabilità, nato nel 1960 in un piccolo negozio specializzato. I test per acquari JBL sono molto sofisticati e, nonostante abbiano un modello con le strisce, la loro vera specialità sono i test di caduta, di cui hanno diverse confezioni molto complete e persino bottiglie di ricambio.

Dove acquistare test per acquari economici

Come puoi immaginare i test dell'acquario sono disponibili soprattutto nei negozi specializzati, poiché non sono un prodotto abbastanza generico da essere disponibile ovunque.

  • Quindi, il luogo in cui probabilmente troverai la maggior varietà di test per misurare la qualità dell'acqua nel tuo acquario è in Amazon, dove ci sono strisce reattive, gocce e digitali da regalare e vendere, anche se quella stessa profusione di marchi può essere un po' disordinata, soprattutto se sei un principiante di questo argomento.
  • Inoltre, in negozi specializzati come Kiwoko o TiendaAnimal Potresti non trovare la stessa varietà di Amazon, ma i marchi che vendono sono affidabili. In questi negozi puoi trovare sia confezioni che singole bottiglie, e avere anche una consulenza personalizzata.

Speriamo che questo articolo sui test in acquario ti abbia aiutato ad entrare in questo mondo eccitante. Raccontaci, come misuri la qualità dell'acqua nel tuo acquario? Preferisci il test a strisce, a gocce o digitale? C'è una marca che consigli in particolare?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.