zeolite

Zeolite per acquari

La filtrazione negli acquari è un processo molto importante per la pulizia e la buona qualità. Grazie all'acqua ben pulita e filtrata, i pesci possono vivere in buone condizioni. In questo caso, parleremo di un materiale che aiuta ad aumentare le prestazioni di filtrazione dell'acqua negli acquari. Si tratta di zeolite. La zeolite è un substrato filtrante le cui prestazioni nel processo di filtrazione dell'acqua sono superiori a quelle ottenute con filtri a carbone attivo oa sabbia. Inoltre, è un prodotto di origine naturale.

Se vuoi sapere come si usa la zeolite e i requisiti di cui ha bisogno, in questo post puoi conoscere tutto in modo approfondito un

Caratteristiche della zeolite

Zeolite e la sua struttura

La struttura della zeolite è costituita da minerali che provengono da strutture vulcaniche. È composto da minerali e cristalli con un'elevata capacità di scambio ionico. Se analizziamo la struttura interna di questo materiale, possiamo osservare piccoli canali di circa 0,5 nm di diametro. Questo lo fa considerare se stesso un materiale poroso adatto alla filtrazione dell'acqua. In questo modo è possibile eliminare lo sporco che l'acqua in sospensione può trasportare in modo che l'acquario rimanga totalmente pulito.

La struttura è completata da più parti che contengono alcuni pori di diametro maggiore. È proprio quella capacità di scambio ionico che consente l'assorbimento degli elementi inquinanti presenti nell'acqua e l'eventuale filtrazione.

Esistono diversi tipi di zeolite. A seconda del tipo che stiamo trattando, è possibile estrarre l'acqua da alcuni minerali come il calcio. Ciò consente alla durezza dell'acqua di addolcirsi gradualmente e di aumentarne la qualità. Al contrario, pori più grandi Sono in grado di trattenere le particelle che sono in sospensione. Molte di queste particelle sono elementi e molecole di tipo organico, come l'ammoniaca, e possono ridurre la qualità dell'acqua.

come funziona?

Struttura dei materiali filtranti

Struttura dei materiali filtranti

Una volta conosciute le caratteristiche della zeolite, si passerà all'operazione. Ricordiamo che è un substrato in grado di scambiare ammoniaca e che funziona diversamente in acqua dolce o salata. È importante conoscere la funzione della zeolite a seconda del tipo di acquario che andremo ad avere.

Zeoliti che sono scambiatori di calcio sono in grado di assorbire i composti di ammoniaca presente in bassa presenza di ioni calcio e magnesio. Ciò si verifica negli acquari d'acqua dolce.

Se invece scegliamo un acquario marino, il procedimento è totalmente diverso. In questo tipo di acqua la presenza di calcio è molto più elevata che in acqua dolce. Pertanto, la zeolite in questo mezzo agisce come un substrato biologico microporoso. Inoltre in superficie è in grado di concentrare numerosi batteri che trasformano rapidamente l'ammoniaca in nitrito e questa in nitrato. In questo caso, l'interno della zeolite ha una concentrazione di ossigeno molto bassa. È dovuto al grande consumo all'estero. Pertanto, i batteri che si insediano in queste aree sono totalmente autotrofi e capaci di sintetizzare il proprio cibo. Inoltre rimuovono il nitrato trasformandolo in azoto evaporabile con l'ausilio del carbonio.

Manutenzione e requisiti

Zeolite per filtrazione

La zeolite non è infinita, ma si degrada nel tempo e perde la sua efficacia. Questo perché le colonie batteriche si stanno riproducendo al punto da ostruire i pori sulla superficie. Con i pori ostruiti, la sua capacità di filtrazione è ridotta al punto da non esercitare la sua funzione.

Questo è il motivo per cui la zeolite richiede manutenzione. Una volta che inizia a non funzionare nel processo di filtrazione dell'acqua, deve essere sostituito. Durante l'ultima fase effettiva di caricamento, l'ammasso di batteri migliora le prestazioni del scrematrice masse di detriti più grandi si staccano dalla superficie e vengono rapidamente rimosse dai detriti marini.

Quando la zeolite viene utilizzata in un acquario per favorire la filtrazione Si consiglia di utilizzare gradualmente. Cioè, non dovresti mai iniziare a filtrare l'acqua con tutti i carichi di zeolite. Questo perché la sua capacità di filtrare l'acqua può influenzare i pesci che sono già adattati a determinate condizioni nell'acquario.

Tutti i produttori di zeolite raccomandano che la sua installazione venga eseguita a poco a poco, per settimane, in modo che i pesci si adattino alla nuova qualità dell'acqua. Con il passare del tempo dopo aver installato la zeolite nell'acquario, i batteri generano una grande attività. Quando l'attività raggiunge i suoi valori massimi, compromettono gravemente il mantenimento dei valori di riduzione dell'ossido dell'acquario. Ciò è dovuto all'elevato consumo di ossigeno che hanno.

Quando NON dovresti usare la zeolite nel tuo acquario

Zeolite e carbone attivo

Zeolite e carbone attivo

Molti esperti di acquari concordano sul grande contributo che questo materiale ha in un acquario di nuova creazione. Tuttavia, anche nei nuovi acquari, l'aggiunta di ammoniaca al mezzo fa sì che la zeolite debba fungere da base a breve termine.

D'altra parte, una volta che i livelli di ammoniaca si sono stabilizzati, è bene rimuovere la zeolite. Non è consigliabile utilizzarlo come base permanente. Invece, è meglio rimuoverlo e usare mezzi convenzionali. Tra i mezzi convenzionali troviamo carbone attivo o sabbia.

Conclusioni

Vendita di zeolite per filtrazione

Questi filtri possono essere montati in modo molto semplice all'interno di un filtro pressurizzato e permettono il controllo della colorazione dell'acquario, oltre a quanto detto con ammoniaca e filtri biologici. Sono abbastanza efficaci in quegli acquari molto affollati, poiché in questi luoghi saranno necessarie attività di manutenzione a causa dell'eccesso di molecole di scarto.

È importante evitare i problemi che può generare a causa della sua grande capacità di scambio molecolare. Per questo, dobbiamo installarlo a poco a poco per diverse settimane. In questo modo, faremo in modo che i pesci all'interno si adattino ai cambiamenti chimici nell'ambiente.

Va detto che a causa dell'attività batterica, non è consigliabile mantenere la zeolite installata per più di tre mesi.

Spero che con questi consigli possiate utilizzare questo materiale molto utile per aiutare nella filtrazione dell'acquario.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.